Natale all’estero


Randomly cute / mercoledì, dicembre 13th, 2017

Il Natale italiano lo conosciamo tutto: cena il 24 e pranzo il 25, alla mezzanotte si va a messa, ci si scambiano i regali…
Ma come festeggiano all’estero? Ecco alcune usanze dei nostri vicini di casa!

Europa
In Gran Bretagna è molto sentito il 25 Dicembre, giorno in cui si mangia tutti insieme e si prepara il tradizionale Christmas Pudding.
Altro strappo alla regola anglosassone è poi l’ora del tè, posticipata alle 18:00 e altra opportunità per rimpizzarsi di buonissimi dolci accompagnati dal tè.

 

In Svezia il periodo delle feste natalizie ha inizio il 13 di Dicembre, giorno di Santa Lucia. La mattina la figlia più giovane di ogni famiglia ha infatti il compito di alzarsi, adornarsi i capelli con una coroncina verde adornata di fiori e portare la colazione agli altri membri della famiglia.

 

In Finlandia, patria di Babbo Natale, l’usanza tipica è di illuminare le case con le candele, e di andare al cimitero per posare una candela anche sulla tomba dei propri cari. Dopo venti giorni dal Natale, il classico abete decorato viene disfato e portato via.

 

America
Gli afroamericani degli Stati Uniti tendono a festeggiare molto di più il periodo che va dal 26 Dicembre al primo Gennaio.
Sempre negli USA si predilige il cenone piuttosto che il pranzo e non è raro trovare bambini che, porta a porta, cantano canzoni di Natale.


In sud America invece, come per l’Oceania, il Natale è totalmente diverso: non troviamo la neve, bensì la gente in bikini!
A Sud dell’Equatore il nostro inverno corrisponde al clima estivo, quindi le festività natalizie si festeggiano in spiaggia o comunque in abiti molto leggeri.

In Bolivia il Natale corrisponde al periodo del raccolto, quindi viene ringraziata anche la Madre Terra.
In Brasile invece il presepe è una tradizione estremamente sentita, forse l’unica decorazione che viene fatta nelle case.

In Messico le tradizioni festive sono molto simili a quelle spagnole, quindi tre giorni prima del Natale abbiamo la cerimonia religiosa della Posada, una processione religiosa che rievoca la ricerca di Maria e Giuseppe di un rifugio sicuro.

Africa
In Sud Africa si festeggia il Natale in estate, quindi la festa viene vissuta principalmente all’aperto e i fiori sono la principale decorazione.

Molti africani seguono la chiesa copta ortodossa, quindi il Natale non viene festeggiato il 25 Dicembre bensì il 7 Gennaio; questo periodo è concomitante anche alla raccolta del cacao.

L’albero è ovviamente una decorazione tipica, ma ovviamente è difficile trovare un abete nella Savana! Per questo motivo vengono decorate le palme.

Asia

Nelle Filippine il cristianesimo è molto praticato, quindi vengono ogni anno proposte ai credenti riproduzioni della natività.

In Corea del Sud, dove la religione è una componente molto forte della vita delle persone, si è soliti battezzare i bambini durante la sera di Natale.

E voi avete mai festeggiato il Natale all’estero? Vi è piaciuto o preferite le nostre tradizioni?

2 Commenti a “Natale all’estero”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.